MARCO ANZOVINO E ANGELO FLORAMO AL MEISTER CAFE- GIOVEDI 7 H.19.00

Giovedì 7 maggio alle ore 19.00 presso il Meister Cafè – Caffè Letterario Marco Anzovino racconterà il suo libro TURNO DI NOTTE (Biblioteca dell’Immagine) ed intratterrà i lettori con le sue canzoni, ispirate dal suo viaggio quotidiano nel disagio della tossicodipendenza.

Dialogando con Angelo Floramo, direttore dalla Biblioteca Guarneriana antica e uomo con grandissimo bagaglio di sensibilità coinvolto nella valorizzazione della parola e del libro quale mezzo di crescita, cura e comprensione del se e dell’altro, Anzovino condurrà i presenti lungo gli oltre mille turni di notte trascorsi nella Comunità Terapeutica “Villa Renata” al Lido di Venezia per il recupero di persone tossicodipendenti.

Be-Happy (3)

Turno di Notte” è anche un disco, composto da 11 struggenti canzoni che hanno la forza minimale del chitarra e voce e che affondano le radici nel miglior songwriting folk-rock. I testi mai banali e molto cinematografici raccontano le storie di quelli che sono ai margini, ma anche delle persone invisibili che stanno al loro fianco lavorando di notte.

Un lavoro ispirato dalla notte, da quel luogo particolare e dalla proiezione dei miei pensieri solitari, di quelli condivisi con i miei colleghi d’equipe, oltre quelle mura verso altri lidi fatti di storie, di viaggi, di strade, di volti. Di vita. Quelle dei “nostri” ragazzi innanzitutto – dice Anzovino– che voglio ringraziare per primi.”

Annunci

Matteo Corona presenterà il suo libro NELLE MANI DELL’UOMO CORVO

Nelle mani dell'uomo corvoVenerdì 18 maggio alle ore 19.00 in libreria

(ed. Biblioteca dell’Immagine)

 Venerdì spetterà a Matteo Corona, che intinge la penna nei più torbidi risvolti dell’animo umano, intrattenerci con la narrazione della trama del suo romanzo Nelle mani dell’uomo corvo (Biblioteca dell’Immagine) che sta riscuotendo molto successo.

 In dialogo con Me Myself & I   [Manu, la libraia 🙂 ] Corona ci trasporterà nei più bui meandri della mente umana laddove il pensiero lascia il posto agli atti più crudeli ed impensabili che, a ben guardare la cronaca recente, passano dalla carta alla realtà e viceversa con sinistra naturalezza.